CALL IT MAGIC, CALL IT TRUE! LA MURGIA FIRMA LA SUA SECONDA VITTORIA CONSECUTIVA

Se questo è un sogno, non svegliateci. La vittoria casalinga per 84 – 80 della Murgia Basket Santeramo contro il Valentino Basket Castellaneta è l’apice di un magic moment in cui i nostri ragazzi hanno vinto tre delle ultime cinque gare, di cui le ultime due consecutivamente.

Quella a cui abbiamo assistito Domenica è stata definita da molti la più bella partita della Murgia Basket in questa stagione. Una gara unica per intensità, risultato e prestazione: a dimostrazione di ciò le statistiche: i nostri ragazzi sono stati in situazione vantaggio per 26 dei 40 minuti totali, hanno tirato con circa il 50% dal campo e hanno tenuto gli avversari sul 40%. Ma il dato più significativo e il fattore chiave per la vittoria risiedono in un ultimo dato, quei quarantasette rimbalzi presi contro i soli ventisei del Castellaneta, quasi il doppio, e le quattro stoppate.

Che questa sia una partita speciale lo si capisce sin dal primo quarto: la Murgia inizia subendo sul 2 – 5 per il Castellaneta ma, da qui, piazza un sonoro 7 – 0 (miglior parziale della partita) siglato dal tandem Girardi – Stano che riporta i padroni di casa sul 9 – 5. La situazione è stabile, ma fra le fila della Murgia brilla più forte di tutte la stella del Capitano, Stefano Stano, che realizza undici punti nel solo primo quarto e con la sua tripla sul finale regala al Palavitulli il vantaggio per 23 – 21 nella prima frazione.

Il fronte Murgiano ha il compito, durante la seconda frazione di gioco, di non cedere alle continue incursioni delle due spine nel fianco Fontaine e Buono che, combinando diciotto punti nel quarto, spostano il pallino del gioco nelle mani del Castellaneta. Ma a sorreggere la Volta Celeste delle speranze e dei sogni del Palavitulli ci pensa Francois Affia, il leone camerunense di questa Murgia, che con una sontuosa partita in entrambe le fasi di gioco (doppia doppia da 18 punti e 15 rimbalzi e un’ottima difesa sia individuale su Sakalas sia corale nei vari show difensivi ) tiene in piedi la sua squadra che va negli spogliatoi con il tabellone che recita 41 – 44.

Il terzo e quarto periodo hanno un minimo comune denominatore: sangue e sudore. Sugli scudi il solito simil divino Billy Dee, un ritrovato Erry Difonzo e un born – ready Francesco Garofalo. Il primo è l’eroe di grandi e piccoli al Palavitulli, soprattutto quando, come in questa gara, prende in mano la squadra e la porta alla vittoria con i suoi 25 punti, 17 rimbalzi e tre stoppate. Il secondo invece, quando si accende, brilla di luce propria e irraggia tutta la squadra dei suoi lampi di genio e di mani, il terzo segna in tutti i momenti chiave della partita in cui Coach Console lo chiama a portare sul campo il suo talento.

Il momento chiave in questione è il sorpasso e controsorpasso del quarto quarto. Dopo un raggiante terzo quarto da 25 – 14 per la Murgia, il Castellaneta mostra i denti e a tre minuti dal termine Stano fa il quinto fallo personale e la controparte, con una tripla di Fontaine, recupera lo svantaggio e determina un 70 – 71, poi 72 – 76, in cui il Palavitulli pensa al peggio.

Ma la squadra di Coach Console dimostra tutta la maturità e la forza d’animo che ha acquisito nel corso del campionato, sconfitta dopo sconfitta, ma anche grinta, cattiveria agonistica, voglia di rivalsa, amore per il Palavitulli e per questo sport, e imprime tutta questa forza sulla palla a spicchi.

Garofalo firma un 77 – 76 raggiunto con il sangue e il sudore di tutto il Palavitulli, giocatori e tifosi, in una simbiosi che sfocia in una grintosa marcia trionfale che vede la Murgia imporsi sul Castellaneta per 84 – 80.
Se questo è un sogno, non svegliateci.

La prossima gara vede la Murgia affrontare il CUS Jonico Taranto Sabato 24 Febbraio alle 18.00 al PalaFiom di Taranto.

 

Francesco G. Pontrandolfo, Social Media Manager.

Share on Google Plus