LA MURGIA SOMMERGE DI PUNTI L’ANGIULLI BARI

La Murgiabasket Santeramo nella terza giornata di campionato, in casa, sovrasta l’Angiulli Bari con il punteggio di 65-42. Ora, in classifica, sono solitarie in vetta, con 6 punti, la stessa Murgiabasket ed il Corato.
Top scorer murgiano il bombardiere DJ Blackmon con 25 punti! L’Angiulli non è riuscito a portare nessuno in doppia cifra, neanche l’esperto Vukovic.

La Murgia entra in campo con questo quintetto: Erri Difonzo, Stefano Stano, Dear, Blackmon, Leo Girardi.

Nel primo tempo le due squadre partono alla pari anche se i padroni di casa sembrano un po’ confusi. L’Angiulli va in vantaggio ma viene raggiunto da un contropiede di Stefano Stano (2-2). Ancora Bari avanti con Cucurachi. I lunghi ospiti vanno a segno facilmente (2-6). Leo Girardi, da due punti, e Blackmon, con una serpentina tra gli atleti avversari, scartati come birilli, agguantano il pari (6-6).

Vukovic, giocatore avversario esperto e bravo tiratore dalla distanza, piazza il suo centro da 3 (6-9). Prontamente risponde Blackmon, dai 6,25 metri (9-9). L’Angiulli parte spesso in contropiede.

Buon giro palla santermano finalizzato da un tiro tranquillo di Stefano Stano (13-11). La Murgia inizia a prendere fiducia e scava un certo gap  (18-11) con un’altra bomba da 3 di Blackmon. Il tempo si chiude con un contropiede dello scatenato americano (20-15).

Il secondo parziale comincia con i tiri liberi di Barozzi, dell’Angiulli Bari (20-16). Buona azione casalinga finalizzata da un libero di Desantis (21-16). Anche in questo tempo ci sono azioni confuse da parte di tutt’e due le squadre. Desantis allunga (23-16). Viene chiesto il time-out.

La Murgia è confusionaria in attacco, specialmente nella presa dei rimbalzi. L’area avversaria è intasata. Ruggiero segna da 3 (23-18) ma c’è subito Blackmon che risponde a tono dalla lunga distanza (26-18). Intanto Dear lotta sotto canestro e fa punti (28-16). Ancora Bari da lontano, questa volta con Mariani: 28-21. Desantis si fa vedere con altri quattro punti consecutivi (30-21, 32-24).

Blackmon mette in  mostra anche per il suo tiro in elevazione (34-24). In finale di tempo Santeramo ingrana la quinta: vanno a segno Dear da due (36-24) e Blackmon da 3 (39-26).

Il terzo quarto si apre con un fallo su Blackmon (40-26). Vukovic questa volta segna da sotto anche se predilige tirare da lontano da qualsiasi posizione (40-28). Altro tiro in elevazione di Blackmon (42-28). Leo Girardi costringe al fallo Vukovic e mette a segno i due liberi (44-28).

Santeramo, sotto il comando di Vito Console, mette in atto un pressing già nella metà campo avversaria e così i baresi non riescono a passare la metà campo entro il limite richiesto di 8 secondi. Palla ai murgiani.

Dear mette a referto quattro punti: due su azione (46-28) e due dai liberi (48-28). La Murgia allunga vistosamente. Si vede a canestro anche Matteo Girardi (50-28). Ruotolo interrompe il digiuno degli ospiti (50-30). Time-out a 3 minuti dal termine.

In questo finale di tempo sugli scudi va il capitano Stefano Stano con un’entrata (52-30) ed un tiro da 3 (55-34).

Nell’ultimo parziale la musica non cambia. È quasi un monologo murgiano interrotto da soli 6 punti realizzati dall’Angiulli. Il punteggio di questo tempo è effettivamente basso.

Vanno a segno: Dear (58-34) e Leo Girardi (60-34). Il pressing alto dei murgiani continua a dare i suoi frutti. Il Bari in due frangenti non riesce a finalizzare l’azione entro i 24 secondi.

A quasi tre minuti dal termine dell’incontro azione spettacolare: Blackmon schiaccia in modo perentorio (62-36). Il Bari aggiunge 5 punti al suo bottino, condito anche da un tiro da 3 (62-40).

A piazzare la ciliegina sulla torta è Porfido con un tiro da 3, a 2 minuti dalla fine (65-40). Il punteggio non cambia più e Santeramo può festeggiare insieme ai suoi tifosi questa meritata vittoria.

Mister Console, a fine partita, è sembrato molto soddisfatto: “Il punteggio dice che c’è stata una netta supremazia anche se, in realtà, il primo quarto è stato equilibrato. Sono contento: oggi siamo riusciti ad avere un approccio positivo all’incontro, soprattutto da un punto di vista difensivo. E così difendendo bene abbiamo trovato canestri in campo aperto che ci hanno permesso di scavare il divario che abbiamo portato fino alla fine”.

Nell’ultimo tempo il punteggio è stato basso e questo è dovuto anche al fatto che l’Angiulli è passata a difendere a zona. Questo ha abbassato il ritmo della partita: “Abbiamo faticato un po’ ad attaccare la zona, ci siamo affidati troppo al tiro da 3 punti quando in realtà dovevamo provare di più da sotto e cercare il tiro in penetrazione”.

Anche il top scorer dell’incontro, Blackmon, è soddisfatto di come è stata giocata la partita: “Ci siamo preparati molto per questo incontro. Il coach è stato molto bravo, ci ha detto cosa dovevamo fare”.

In questo turno di campionato lo spauracchio Vukovic è stato arginato bene. Uno degli artefici di questo è Leo Girardi che ha bloccato la bocca da fuoco barese: “È un gran giocatore, con molta esperienza. Non è stato facile marcarlo ma io ho dato il massimo impegno, spero che si sia visto in campo”.

Il prossimo incontro della Murgiabasket è previsto per sabato prossimo, il 29 ottobre, in casa dell’altra squadra barese: il Cus Bari.

 

Vito Silletti

 

Share on Google Plus