SECONDA PARTITA CONSECUTIVA IN CASA PER LA MURGIABASKET

Per la terza giornata di campionato della serie C maschile di basket arriva a Santeramo un’altra squadra foggiana dopo l’incontro di domenica scorsa contro il Vieste: tocca al Silac Manfredonia. La squadra dauna si trova al nono posto in classifica con 2 punti mentre la Murgiabasket è a zero punti insieme ad altre 3 compagini: Monteroni, Ostuni e Martina Franca.

Nella scorsa giornata la squadra santermana è incappata nella sconfitta casalinga contro il Vieste, bellissima e caratteristica cittadina del Gargano che si affaccia sull’Adriatico.

La Murgia ha tenuto testa alla formazione avversaria fino a qualche minuto dalla fine del terzo tempo. Si era sul 42 pari con i liberi segnati da Matteo Girardi. Poi piano piano gli ospiti hanno incrementato il loro vantaggio chiudendo il terzo quarto con 5 punti in più. Il divario si è stabilizzato nel quarto tempo intorno al valore medio di 8 punti di ritardo. Il quarto parziale e quindi l’incontro si è chiuso sul 58-68.

La Murgia è mancata soprattutto sotto canestro, specialmente in attacco ma anche in difesa dove il gigante viestano Markovic, molto più alto del resto dei giocatori, ha fatto il bello e cattivo tempo specialmente in attacco nell’ultimo tempo. C’è da dire che nella squadra santermana mancavano i due atleti americani, che domani saranno in campo: Billy Dee Williams, 23 anni, e Donald Lawes, 27 anni.

Con l’allenatore murgiano, Vito Console, da tre anni sulla panchina della Murgia, abbiamo fatto una disanima della gara con il Vieste.

 

Era evitabile questa sconfitta?

Evitabile sicuramente sì nel momento in cui fossimo stati al completo. Forse era evitabile anche senza l’impiego dei due americani se la lucidità ci avesse sostenuto un po’ di più in alcuni momenti. Purtroppo siamo cortissimi, fisicamente siamo la squadra più debole del campionato e alla lunga questa cosa nelle partite viene fuori. E così si spiega la sconfitta.

È stata una partita molto fallosa, quasi sempre è scattato il bonus falli da una parte e dall’altra.

La serie C fondamentalmente è questa. È una categoria in cui conta molto il fisico, i contatti sono sempre tanti, e abbastanza intensi. A volte gli arbitri sono più permissivi, a volte un po’ meno come oggi (01 ottobre 2017 ndr). Però questo non ha condizionato la partita più di tanto.

Conoscevi la serie C o la stai conoscendo adesso?

No, conoscevo la serie C e la seguivamo già da un po’ perché l’obiettivo di questi due anni passati era arrivarci prima o poi. Forse qualcuno non la conosceva e adesso la sta scoprendo. Dobbiamo trovare tutte le risorse possibili al nostro interno in modo da salvarci e compiere questa impresa disperata.

Ti hanno soddisfatto i tuoi atleti?

Sì: da un punto di vista dell’impegno, della dedizione, della concentrazione applicata in partita. È chiaro che da un punto di vista tecnico forse potevamo fare qualcosa di     meglio però non ho niente da rimproverare e faccio loro i miei complimenti per come hanno giocato.

 

Appuntamento quindi, domani, alle 18.30 presso il PalaVitulli per la terza di campionato.

 

Vito Silletti, addetto stampa Murgiabasket

 

 

Share on Google Plus